L’arte forever

Devo partire ma non vi lascio orfani ( come disse un signore, trentatrenne che fece una brutta fine 2000 anni fa).. Cosa c’è di meglio di un altro pò di Napoli? La notizia è stata data con squillo di trombe a Francoforte il 22 aprile. L’assessore regionale Matera all’ Imex ( al secolo la Exhibitions for…

Je suis Spinelli

Un fil rouge unisce Napoli e Laurino, il paese limitrofo dove ora vivo. E’ Palazzo Spinelli. La dimora è appartenuta a Pontano, il massimo rappresentante dell’umanesimo partenopeo del 1400 e dell’Accademia che porta il suo nome e che nacque come libera iniziativa di uomini di cultura. Questa. Il Palazzo è risalente al XV secolo.  Dal 1567 gli Spinelli erano…

Il passato è tra noi

C’era una volta una pianoforte di famiglia. Per caso è stato fotografato qualche ora fa. Scrivo per caso, solo perchè presa dalle incombenze e dagli irrinunciabili gravami del presente, ho dovuto accantonare le ricerche amate e relative agli oggetti di famiglia, alcuni dei quali risalgono al 1700. Solo il web mi ha permesso un confronto…

Quella Caverna di Platone

Sono rimasta ammaliata da un video ed ho deciso di lasciarlo qui. Di certo molti conoscono il Mito della Caverna di Platone. Per l’allievo di Socrate  filosofia e dialettica si identificavano.  Nel mito in questione, narrato nel VII libro de La Repubblica, un prigioniero vive legato dalla nascita insieme ad altri prigionieri all’interno di una…

Un pò di dolcezza…

Sono rientrata dal funerale di mia suocera e dalla “trasferta” salernitana. Queste bianche sono orchidee di montagna. Di bello, oltre i fiori raccolti lungo il Passo della Sentinella, mi son portata questa bambolina che mia suocera aveva nella cristalliera.. Le sto cercando un nome.. Avete qualche suggerimento?

Il mare voglio

In queste giornate assolate mi manca il mare. Vorrei rotolarmi sulla sabbia calda e camminare dove l’onda si frange e si ritira. Sedermi in riva e perdere lo sguardo sul tremolante  skyline dell’orizzonte.. Vorrei salpare con mio marito senza una destinazione con un vascello come questo; lo vorrei per incontrare il nuovo, per mantenere la…

Io resiliente

Qualche anno fa mi son imbattuta in una impostazione diversa di concepire il turismo e l’agricoltura, laddove le due attività si sposano. Non è un piccolo miracolo? Rifletteteci: in genere il turista consuma ( spesso prodotti locali e verdure a km 0) e basta, portando solo denaro, ma lasciando tutto come era prima. Al massimo…