Orchha, la cittadella medievale.

Spesso mi interesso di Medioevo, ma leggere di questa età com’è stata vissuta in India è stata una piacevole scoperta!

orchha-cenotafi.jpg

passoinIndia

L’antica cittadella medievale di Orchha, è lì, sul fiume Betwa, dal 1500 d.C., nascosta tra i dhak (alberi con splendidi fiori rossi), da quando Rudra Pratap (1501-1531), il primo re della dinastia Bundela del clan Rajput, cominciò ad erigere diversi edifici prima di fare di Orchha, proprio l’anno in cui egli morì (1931), la nuova capitale del regno. E così ne venne fuori una fortezza priva di mura con il suo complesso di palazzi, appartamenti, cortili, jali (balconate a griglia), templi con shikhara (torri), havelis, bazaar, giardini, e padiglioni dove si stabilirono i sovrani bundela che, nel tempo, contribuirono a realizzare quella che fu allora Orchha e di cui ancora oggi possiamo ammirare la bellezza, non più fastosa come un tempo ma molto suggestiva. Tra i palazzi più interessanti il Raj Mahal (o Raja Mandir), il palazzo reale la cui costruzione, iniziata da Rudra Pratap, fu terminata da Madhukar…

View original post 287 altre parole

La Calabria di Saverio

Uno dei montaggi è concluso..solo il titolo “zoppica”: presa dall’emozione ho dimenticato di inserirne uno adeguato.

E’ stata anche questa una sfida.

Ho voluto una forma poetica in omaggio alla bella terra di Calabria la cui suggestione mi è arrivata intatta grazie alle foto di Saverio Corigliano, alla sua passione che trasuda da ogni scatto.

La “Nuova Atene litterarum”

Abbiate pazienza: due son i montaggi sui quali mi sto “lanciando” a capofitto, è il caso di dire.

Sto volando tra le immagini. Mano a mano che salgo di quota mi infervoro.

Una indiscrezione.

Un montaggio immagini riguarda un paese abbandonato a me vicino, l’altro una Calabria da sogno, grazie alle foto di un poeta dell’immagine come Saverio Corigliano.

Avviso ai naviganti, conoscenti,passanti, amici e parenti: il mio giro nei blog sarà ridotto fino a data da destinarsi.

Ho promesso il Salento e vi lascio il suo mare, quello della stupefacente Nardò.

Attenti però, non lasciatevi ingannare dal colore del mare: Nardò è stato importante centro bizantino.

Annata 1497? Governo dei duchi Acquaviva.
Nardò nel 1500 si trasformò nel maggior centro culturale del Salento; fu sede di Università, di Accademie e di studi letterari e filosofici, tanto è vero che venne definito la Nuova Atene litterarum.
Nardò e il suo comprensorio son ricchissimi di chiese, ville, Palazzi,cripte e masserie. Alcune di queste ultime persino fortificate!!