Roscigno, paese d’acqua

DSCN0706.JPG

I lavatoi pubblici eran uno dei luoghi di incontro dei paesi. Chissà quante voci e chiacchiere si son fatte davanti a queste pietre…

Anche la piazza e la fontana eran punti di incontro.

dscn0708

Di certo a Roscigno non è l’acqua a mancare!

In un passato nemmeno tanto remoto mi son divertita a scrutare le pagine dello storico Lucido di Stefano.

Ne ho ricavato la  descrizione del paese com’era nella seconda metà del ‘700: “..la maggior ricchezza del paese consiste nell’olei, in ghianne, in grano e in vino essendo esso abitato da mille persone e numerato per fuochi 53.

Nel luogo detto Bella Pala vi era una paludetta di circa una misura in semina ma accaduto un alluvione d’acqua nell’anno 1776 divenne un lago di estenzione di circa misure sei e di profondità immusurabile tanto che arrischiatovisi a nuotare per vederne il fondo Francesco Mazzeo miseramente vi annegò nel mese di aprile dello stesso anno, e per tutte le diligenze state, non potè rattrovarsi il di lui cadavere se non se sovragiunte dopo otto giorni una gran pioggia, già il portò a galla…”

DSCN0715.JPG

Ahi serva Italia…!!

arton40469-4b5d5

Presto spero di pubblicare un nuovo montaggio.
Ho richiesto ad un amico fiorentino nonchè collega molto addentro al melting pot della sua città, presente e passata, un giudizio su questo “polpettone” che ogni martedì la Rai ci ammanisce.
Quanto mi ha risposto devo pubblicarlo. Ometto il nome del mio amico per rispetto della privacy.
“I Medici” è una perfetta fiction dell’Italia “renziana”.

Imprecisa, approssimativa e disseminata di bufale (vedi l’incontro fra Cosimo e Donatello, con la successiva visita allo studio, arricchito di una imponente camino barocco). Aggiungerei, come presupposto e/o corollario degli aggettivi precedenti, il dispregio (ostentato o ignorante, non saprei ancora dire) per la Filologia (uso la maiuscola come parziale balsamo per le ingiurie da lei subite).
Un caro saluto…
P.S. se vogliamo, anche il fritto misto delle locations è errato: Pienza viene costruita dopo il 1458; mentre l’assetto della Piazza di Montepulciano è addirittura cinquecentesco.