A Palermo Giacomo Serpotta e il suo tempo

serpotta-111

Mi son occupata in passato del Genio del palermitano Serpotta, appartenente ad una famiglia di scultori.
Leggo che si distinse nell’arte dello stucco. Si deve a lui l’invenzione della tecnica detta allustratura.
Buona lettura

L'isola dell'arte

copertina serpottaA Palermo sino al 1 ottobre 2017 nella meravigliosa cornice dell’Oratorio dei Bianchi è protagonista Giacomo Serpotta, colui che rivoluzionò l’arte dello stucco facendola assurgere alla dignità stessa del marmo. I suoi putti bambini, giocosi e innocenti, svolazzanti tra angeli e santi, lo hanno reso uno dei più grandi stuccatori d’Europa. Serpotta ha avuto la capacità di infondere nelle carni dei suoi putti sottili finezze psicologiche, realizzando così una straordinaria miscela di realismo e gioiosa allegoria che non ha eguali fra il tardo Sei e il primo Settecento in Europa. Nell’esposizione Serpotta e il suo tempo, curata da Vincenzo Abbate, vi sono riuniti per la prima volta oltre 100 opere tra dipinti, marmi, stucchi, oreficerie, avori, coralli, disegni, stampe e testi antichi, che raccontano, uno dei momenti più affascinanti e significativi della cultura figurativa palermitana.

serpotta_oratorio_dei_bianchi_palermo 9

Il percorso al pianoterra dell’oratorio è stato interamente dedicato alle opere del Serpotta. Si possono ammirare a…

View original post 378 altre parole

Identità e memoria

20664981_140106516579931_3321049365840467814_n

Mi spiace deludervi, ma nessuna emittente si imbarca fin qua nell’Alto Cilento a riprendere una semplice manifestazione che, tuttavia, ha avuto un grande senso.
“Come eravamo” ha entusiasmato la platea, questo va detto sebbene sia autoreferenziale.
Stasera è andata alla grande con una numerosa partecipazione popolare.
Tutti son stati interessati dai video, dai servizi, dalle canzoni di Anthony ( uno dei tanti emigranti negli USA tornato per le feste) con la chitarra e dalle poesie in dialetto di Mario Macchiarulo che intervallavano i vari video, alcuni degli anni ’60 del secolo scorso..
Mi sento soddisfatta ( unitamente a mio marito) di aver dato ai sacchesi più di una emozione.
Ringrazio chi ha supportato, portando sedie ecc ed offrendo fette di anguria, la bella manifestazione.