Armonie made in ‘nature’

couelle

Amico di Pablo Picasso e Salvador Dalì, a Jacques Couëlle per i meriti artistici gli venne assegnata la Legion d’Onore all’Accademia Francese.

Le sue  case di scultura sono un tributo a una natura sovrana.

L’ architetto Jacques Couëlle costruì negli anni ’60 un insieme di case che si affacciano sulla baia di Cannes, la cui forza e bellezza formale sono ormai riconosciute.
Questo francese geniale nel ‘900 si dedicò alla ricerca e lo studio di nuovi materiali per la costruzione.

Il suo stile è rimasto ineguagliato, testimone di quel fantastico stile architettonico che oggi impera nella Costa Smeralda.
Libération sabato 15 febbraio 1964 scriveva: “I miliardari pagheranno 700.000 franchi per vivere in caverne (migliorate)”.

E il giornale non fu il solo a esprimere un giudizio così duro quando si trattava di evocare il una suddivisione che avrebbe visto la giornata sulle alture di Cannes, opponendosi sotto tutti gli aspetti al movimento moderno che ancora imponeva i suoi diktat all’epoca. Una suddivisione firmava Jacques Couelle, architetto autodidatta che sognava di essere un artista, e vedeva l’armonia più nella natura, che considerava sovrana, che negli angoli retti e nelle superfici lisce dettate dall’uomo.

savin_couelle1

Il capolavoro di Couelle è senza dubbio l’Hotel Cala di Volpe.

Vera istituzione del lusso e simbolo di un’architettura geniale, l’Hotel, con i suoi stucchi bianchissimi, le travi di legno a vista, pareti curve e grandi mura di pietra, ricalcando lo stile degli antichi villaggi di pescatori in chiave surrealista, regala una sensazione di grande eleganza e insieme di intimità e protezione.