La bellezza in miniatura

Immaginecl

I fratelli Paul, Jean ed Hermann Limbourg sono tra i più significativi rappresentanti della pittura franco-fiamminga del XV secolo.

Appartenenti ad una famiglia di artisti e arti, i fratelli si misero a servizio del figlio del duca di Borgogna, Giovanni senza Paura ed in seguito alla morte di Filippo, nel 1404, tutti e tre i fratelli passarono alle dipendenze di Jean de Berry, fratello minore di Filippo, subentrando come pittori di corte a Jacquemart de Hesdin. 

A loro si deve la creazione di alcuni raffinatissimi codici che costituirono una vera e propria rivoluzione nella miniatura.

 Le raffinatissime pagine di Le Très Riches Heures du Duc de Berry contengono le Ore, ossia la serie delle preghiere quotidiane della Chiesa per i tempi dell’anno e per le festività.

Immaginelori

Tutti i Libri d’Ore si aprivano con un calendario che illustrava i lavori agricoli corrispondenti. Qui ogni foglio ospita una miniatura a piena pagina che raffigura gli svaghi nobiliari e i lavori contadini. Ogni immagine si caratterizza per il luminosissimo paesaggio e per la lunetta sovrastante che ospita i segni zodiacali delicatamente lumeggiati con l’oro.

Ogni foglio esibisce una lunetta dedicata ai segni zodiacali del mese e illustra immensi e luminosi paesaggi;nei vari fogli nobili figure si intrattengono in svaghi cortesi e i contadini svolgono attività agricole stagionali, mentre in lontananza svettano le guglie di una residenza o di un castello del duca di Berry.

imm

Perfettamente conservate, le miniature dei Mesi possiedono un’incredibile freschezza narrativa e denunciano una libertà compositiva fino ad allora inedita nei codici miniati.

I colori sono vividi e luminosi e l’oro è reso a profusione negli ornamenti delle vesti dei nobili e nelle decorazioni degli sfondi.

Anticipazione

Très Riches Heures du Duc de Berry

Alzi la mano chi conosce questo manoscritto miniato del XV secolo, eseguito tra il 1412 e il 1416 dai fratelli Limbourg, tre miniatori olandesi che lavorarono per Jean de Berry, principe capetingio e grande mecenate…
Sarà argomento del mio prossimo post…