Le cocotte del conte

1200px-Henri_de_Toulouse-Lautrec_005.jpg

Nemmeno così riconoscete Henri de Toulouse-Lautrec ??
Precursore con altri dell’art nouveau tipica della Belle Époque, con i suoi dipinti il conte Henri-Marie-Raymond de Toulouse-Lautrec-Monfa dalla frequentazione amichevole con le prostitute generò una splendida serie di commoventi litografie, Elles.

Pure Edgar Degas fu autore di una serie di monotipi; in essi venivano rappresentate scene di vita dei bordelli parigini. Tuttavia Degas aveva sondato l’ambiente delle maisons closes in modo quasi distaccato. Nelle sue tele appaiono prostitute annoiate in attesa dei clienti i quali son stati rappresentati come compassati (e impacciati) gentiluomini, elegantemente abbigliati in giacca e cravatta.

Degas non amava le donne, ma frequentava, forse solo per ispirazione artistica, le tante maisons closes di Parigi; i suoi pastelli, i suoi monotype, con i vivaci grappoli di donne nude, formose e spettinate, che baciano l’enorme maitresse vedovilmente bardata di nero, che trascinano in mezzo a loro un uomo, che si lavano scomposte in grandi catini arrugginiti. 

Ben diverso è l’approccio dei bordelli di Toulouse-Lautrec. henri-de-toulouse-lautrec-stockings-art-print-poster_a-G-8843241-0

All’interno delle pareti del bordello, lui si sentiva a suo agio. Si narra che, poco dopo essersi stabilito nella maison close, avesse commentato “j’ai enfin trouvé des femmes à ma taille”, “ho finalmente trovato donne della mia statura”: con tutta evidenza, l’artista sentiva il peso della sua disabilità.

È nota la malattia alle ossa che aveva compromesso il normale sviluppo dei suoi arti inferiori, facendo sì che l’artista non si spingesse oltre una statura di un metro e cinquantadue centimetri. Aveva pertanto iniziato a frequentare i bordelli per trovare quel calore umano del quale possiamo immaginare avesse iniziato a sentir la mancanza via via che la sua malattia progrediva. E in uno di quei bordelli, quello situato al numero 8 di rue d’Amboise, il pittore aveva fissato, nel 1892, la propria residenza.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...