Storie di mare

5555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555555

Ecco un evento al quale mi farebbe piacere partecipare.

Spesso si dimentica che una città sulla costa è diversa da una città dell’interno non solo geograficamente; non si valuta a sufficienza il ruolo del mare con i suoi indotti, con le tradizioni, i riti, con quanto comporta; dal mare può arrivare la distruzione, ma dal mare può arrivare la cultura.

Salerno non sarebbe cresciuta senza gli apporti della cultura ebraica e della cultura araba, attraverso i livelli stratigrafici che mano a mano l’acqua e il mare han creato oppure Amalfi che fu colpita da un maremoto che ne cambiò i connotati.

Il Mediterraneo non solo l’acqua in mezzo alle terre, ma anche veicolo e autostrada ; ha visto pirati, galee, saettie, triremi, battaglie, veloci pentacontere.

Noto alle genti dell’Egeo, lo è stato fin dalla metà del II millennio a.C.: viaggiatori e mercanti micenei vi avevano tracciato rotte laddove, secoli più tardi, sarebbero sorti i primi empori commerciali greci e le prime poleis coloniali. 

Il crollo della civiltà micenea, l’invasione dei Dori e di altre popolazioni dettero avvio ad un periodo di espansione : la civiltà ellenica subì una inarrestabile e radicale trasformazione preparando la grande fioritura a partire dall’VIII secolo a.C…

La principale novità , costituita dal passaggio da un’economia prevalentemente agricolo-pastorale ad un’economia basata sullo scambio e sul commercio, provocò un progressivo abbandono delle campagne a favore delle città.

non sprechiamo il fiato

leggere riflettere scrivere

 

 

non sprecare il fiato, che scarseggia,
tanto cadono giù pure se sembrano leggere
– lo sai, la gravità fa scendere una piuma –
e non credo ci sia mai parola senza peso
il peso stesso, a volte, della levità
inopportuna se si richiede d’esser seri
ma poi, se penso all’attenzione
alla cura che ci vuole a non tradirne la funzione:
significare al meglio quello che c’è da dire,
dunque la precisione,
no, non sprechiamo il fiato a pronunciare
parole che hanno perso, per poco che sia dato,
il peso di una qualche verità.

 

 

View original post