Un sogno di seta

sanleucio-990x656

Dedico a lei questo post che per qualcuno non sarà una novità: ne ho già parlato tempo addietro. Complimenti a lei perché frequenta le trasmissioni culturali.

C’era una volta un re ( 1789) che era un sognatore. La vita e il baccano della Reggia di Caserta lo angustiavano così da fargli scegliere come suo luogo di ritiro una collina lì vicino, dalla vista stupenda. Vi si ergeva l’antica chiesetta di San Leucio, vescovo di Brindisi.

Sul Belvedere aveva fatto costruire un casino di caccia, e vi aveva fatto insediare alcune famiglie affinché vi provvedessero. Poi i coloni crebbero di numero e diventarono una piccola comunità. Il re si lasciò probabilmente influenzare dalle mode utopistiche dell’epoca e decise di fondare una colonia modello. Cercò di darle l’autonomia economica, creando una seteria e una fabbrica di tessuti. La regolò con un codice scritto di suo pugno, pieno di straordinarie intenzioni e intuizioni. Volle darle una struttura urbanistica organica e simmetrica. Le affibbiò un nome che era uno specchio: Ferdinandopoli. Una sua creatura, insomma, anche se il nome restò artificiale e nessuno lo usò mai: rimase sempre San Leucio.

Immagine9

Palazzo Chigi, Buckingham Palace, i palazzi del governo italiano, la Casa Bianca hanno in comune la seta di San Leucio.

Una ricca gamma di rasi, broccati, e velluti venivano prodotti in provincia di Caserta sia per l’abbigliamento che come parati.

Quando venne introdotta la tessitura Jacquard, che altro non era che un telaio importato dalla Francia, nei primi decenni dell’Ottocento, la produzione si arricchisce di stoffe broccate di seta, d’oro e d’argento, scialli, fazzoletti, corpetti, merletti. Si sviluppano anche dei prodotti locali, i gros de Naples e un tessuto per abbigliamento chiamato Leuceide.

Già al tempo di Papa Leone III, è descritta l’abile manifattura tessile napoletana durante il periodo del ducato bizantino. In quel periodo nacque la prestigiosa tradizione della seta, che toccherà il massimo dello splendore nelle fabbriche borboniche di San Leucio di Caserta, circa un millennio dopo.

Immagine.jpg

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. Io posseggo una coperta di seta appartenuta a mia nonna che porta sulla cimosa il marchio di San Leucio. È quotata 4500 euro. Me l’ha confermato una persona che tratta ancora quelle sete.

    1. marzia ha detto:

      Wow e non la puoi fotografare??

      1. Certo. Stavo anche pensando di usarla come arazzo.

        1. marzia ha detto:

          l’idea per valorizzarla mi piace …

    1. marzia ha detto:

      Elena, mi ha emozionato vedere il damasco ( credo di poter individuare questa sera così ) in tuo possesso.. Grazie

      1. Tieni conto che è celeste chiaro e turchese. Il turchese prevale sul diritto. La scritta è sul rovescio.

        1. marzia ha detto:

          Mi hai fatto ricordare che mia mamma aveva una coperta, però non credo che fosse di seta di San Leucio faceva il suo bell’effetto Grazie di questa foto

        2. Controlla. Io me ne sono accorta per caso, allora ho cercato in internet e ne ho trovata una identica.

        3. marzia ha detto:

          La casa è stata messa in vendita; venerdì abbiamo l’incontro dal notaio e non so proprio questa coperta a chi è andata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...