Altamira, dalla storia alla cinematografia

altamira_00

Dedico questo post a Claudio e a Nicoletta.

Come ho già scritto ho acquistato tre film, uno dichiaratamente archeologico:  chi mi conosce sa il perché…

Annata 1879. Maria Sautuola, una bambina di nove anni, e suo padre Marcelino, uno studioso di archeologia, scoprono i più antichi dipinti preistorici mai rinvenuti prima raffiguranti una mandria di bisonti.

Sembrerebbe una pellicola frutto di fantasia, ma non è così…

Un giurista e archeologo spagnolo possedeva un terreno ad Altamira vicino alla piccola località di Santillana del Mar. 

Vi si erano formati cunicoli e grotte grazie al crollo di precedenti fenomeni carsici nella roccia calcarea del monte Vispieres.

Per inciso, il Nord della Spagna è molto importante per l’arte paleolitica, l’arte dei primi esseri della nostra specie, Homo Sapiens. Le pitture rupestri di Altamira rappresentano una delle opere d’arte più importanti della nostra Preistoria.

Durante la Preistoria, i nostri lontani antenati vivevano in grotte ed alcune hanno lasciato testimonianze artistiche, come la grotta di Altamira.

Quasi 10 anni prima era stata ‘scoperta’ , ma sottovalutata dal cacciatore Modesto Cubillas Pérez.

Marcelino Sanz de Sautuola, in compagnia della figlia, si aggirava in quel 1879 nel suo terreno e incidentalmente entrò in una caverna.

Il resto è storia.

Nel film i panni dell’archeologo sono vestiti dall’affascinante Banderas che è la ciliegina sulla torta di una produzione poco pubblicizzata ma che vale la pena godersi

 

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le grotte di Altamira sono anche chiamate ‘La cappella sistina dell’arte rupestre’. Purtroppo da molti anni non sono più aperte al pubblico per evitare il deterioramento però si può vedere una replica perfetta costruita affianco. Però adesso da poco, è possibile visitarle in gruppi piccolissimi: 1 volta alla settimana, 5 persone. Ancora visitabli sono quelle di Tito Bustillo, nelle Asturie.

    1. marzia ha detto:

      Ignoravo i dettagli che fornisci e dei quali ti ringrazio,Nicoletta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...