Regale “tapeserie”

Galleria aurea di Palazzo Andrea Doria
La Villa del Principe o Palazzo Doria a Genova non è solo un vero e proprio viaggio nella storia alla scoperta di questa assoluta meraviglia del rinascimento europeo, ma anche un magnifico contenitore.
Gli arazzi di Alessandro Magno, donati dall’Imperatore Carlo V all’ammiraglio Andrea Doria, ne son palese dimostrazione.
In occasione della visita dell’imperatore Carlo V la Villa del Principe era già traboccante di “panni de arazzi bellissimi che haverano bastato a ornare ogni casa regia, di figure molto ben fatte”.
Di altissima fattura e di dimensioni imponenti (sono lunghi quasi 20 metri), i due arazzi furono realizzati nei laboratori di Pasquier Grenier, a Tournai (Belgio) intorno al 1460, epoca in cui la produzione di questa città raggiunse il suo apice.
Forse vennero realizzati per Carlo il Temerario duca di Borgogna e, secondo alcuni, il viso di Alessandro riproduce le fattezze del duca.
Il primo arazzo raffigura l’adolescenza di Alessandro, quando, dopo aver domato Bucefalo, ottiene la sua prima vittoria militare. L’episodio culmina con l’incoronazione di Alessandro da parte del padre morente.
Il secondo arazzo raffigura le successive gesta di Alessandro: Nella parte sinistra dell’arazzo è raffigurata la conquista della città di Tiro, un esempio che vale come simbolo di tutte le campagne militari di Alessandro in Oriente con la resa del re Dario. Per raccontare le magnificenze e la straordinarietà del personaggio l’autore fa simbolicamente “volare” Alessandro all’esplorazione dei cieli in una gabbia “guidata” da grifoni, e successivamente lo fa scendere negli abissi oceanici in un vascello di vetro. Infine lo guida ai confini del mondo popolati da uomini selvaggi e dragoni. Tornato sulla terra, Alessandro, con una lunga veste dorata e la corona sul cappello di ermellino, riceve l’omaggio della sua corte.
I ricchi costumi e le armi di Alessandro hanno lo scopo di evocare lo splendore e la raffinata civiltà del ducato di Borgogna, in contrasto con l’aspetto dei personaggi orientali rappresentati come barbari dalle barbe lunghe. Il condottiero, conquistatore dell’Oriente, diventa un modello ideale di cavaliere per le corti principesche, un eroe impegnato nella ricerca della conoscenza, uno sterminatore di mostri come i grandi protagonisti della mitologia classica. Entrambe le opere si trovavano in cattive condizioni di conservazione prima che i restauratori Reali De Wit in Mechelen intervenissero grazie anche al generoso aiuto della Fiera degli Antiquari del Belgio. Una impercettibile pulizia ad aria, e una ricostruzione generale del filato, hanno restituito agli arazzi il loro splendore originario.

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...