Flagello dei predatori di tombe

Il cratere di Eufronio, o anche cratere di Sarpedonte, è un cratere a calice decorato a figure rosse, alto 45.7 cm con un diametro di 55.1 cm, modellato dal ceramista Euxitheos e dipinto dal ceramografo Eufronio intorno al 515 a.C.

La scena sul lato principale è tratta dall’Iliade e narra della morte di Sarpedonte, figlio di Zeus e di Laodamia, alleato dei Troiani nella guerra contro gli Achei. Le personificazioni del Sonno, Hypnos e della Morte, Thanatos, ne riportano il corpo in patria, trascinandolo via dal campo; il dio Hermes, al centro della scena, dirige l’operazione .

Di provenienza illecita, è rimasto esposto dal 1972 al Metropolitan Museum di New York; dal 2006 è stato restituito allo stato italiano ed è conservato presso il Museo nazionale Cerveteri.

Ma come si è riusciti a far rimpatriare questo nostro prezioso reperto??

L’italiano che ha permesso questo rimpatrio si chiama Maurizio Fiorilli ,
l’uomo più temuto e rispettato da tutti i direttori dei musei del mondo, e che il The Telegraph ha definito Scourge of the Tomb Raiders, ovvero il “Flagello dei predatori di tombe”.  Lui è uno straordinario personaggio, di un’umanità e di una semplicità che non ti aspetti.

Così racconta la sua straordinaria esperienza…

Un commento Aggiungi il tuo

  1. aquilonedipensieri ha detto:

    Un eroe dei nostri tempi, questo Maurizio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...