L come labirinto

il

Labirinto della cattedrale di Amiens, Francia

Sul pavimento della cattedrale gotica di Chartres, in Francia, è disegnato il labirinto riprodotto nel precedente post. La sua forma è circolare; il diametro misura 12,87 m. Per andare dall’ingresso indicato con A, al punto di arrivo indicato con B bisogna percorrere 261,5 m.

In Italia il più noto è quello attribuito a Porsenna, che si troverebbe nei sotterranei della città di Chiusi.

Ma cos’è questo ‘gioco’ di geometria?

Secondo Platone, il primo labirinto della storia umana sarebbe quello di Atlantide, fatto di cerchi concentrici alternati di terra e di mare, con la parte di terra unita da ponti.

Nel mito di Teseo, l’eroe che penetra nel labirinto per uccidere l’uomo toro, va ricercato il presupposto fondamentale per cui tutt’oggi è rivisitato nelle tematiche centrali come metafora dell’intricata società odierna.

Da sempre il labirinto simboleggia un percorso interiore attraverso il quale lo spirito si può evolvere e innalzare ad un livello superiore. Il centro del labirinto, secondo Mircea Eliade, rappresenterebbe la sacralità.

La realizzazione dei labirinti nelle cattedrali, seguiva precisi calcoli matematici: i labirinti potevano avere forme diverse, ossia a pianta circolare, ottagonale e quadrata.

Come si può intuire la forma del cerchio corrisponde all’infinito e alla perfezione; il cerchio è eterno senza inizio e senza fine. Esso rappresenta inoltre il Sole, lo Zodiaco e la ruota dell’universo. Pitagora definì il cerchio come la psiche dell’universo.

L’ottagono invece, con i suoi otto lati, rappresenta la trasformazione e la rinascita.

Il cammino tortuoso per arrivarci assumerebbe quindi una funzione di protezione del sacro nei confronti dei profani, essendone riservato l’accesso ai soli iniziati: la difesa di un luogo sacro, di un tesoro molto prosaico (fatto di denaro o di beni materiali) o spirituale (immortalità, virtù, elevazione al divino, conoscenza di sé).

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. newwhitebear ha detto:

    Il labirinto di Amiens è famoso quanto quello ci Chartres sempre in Francia – http://utenti.quipo.it/base5/combinatoria/labirchartres.htm – Dicono che è un modo per raggiungere una dimensione extraterrestre ma poi bisogna saper tornare indietro.

    1. marzia ha detto:

      Si, Gian Paolo. Buona giornata
      😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...