I tetti di Parigi, La Bohème, una giornata grigia ed io.

La Casetta del Merlo

Respirer Paris, cela conserve l’âme. (Victor Hugo)

Respirare, ma anche osservare, toccare, ascoltare … Hai mai ascoltato il suono della pioggia sui tetti di zinco all’alba di una giornata grigia, a Parigi?

Parigi deve i suoi tetti unici e seducenti, multiforme mosaico di zinco e di ardesia  che la luce del giorno arricchisce di cangianti sfumature, a due personaggi: Daniel Dony, chimico belga, e Georges Eugène Haussmann, il prefetto noto per aver stravolto i lineamenti dell’intera città secondo il volere di Napoleone III (1852 – 1870).

L’esigenza di un rinnovamento così radicale nasce perché a metà del 1800 l’antica città medioevale, un dedalo di viuzze sulle quali si stringevano case a graticcio quasi sempre fatiscenti e prive di rete idrica e servizi igienici, era un «perenne focolaio di epidemie e insurrezioni», ovvero quanto di meno adatto si potesse immaginare per accogliere le migliaia di contadini che in quel periodo, allettate…

View original post 692 altre parole

Una dritta per Ferragosto

Cambio di programma..

Se avessi potuto avrei aggiornato prima, ma ho avuto un contrattempo visto che sto organizzando i festeggiamenti: il 13 è il mio onomastico e il 14 festeggiamo con mio marito 44 anni di matrimonio.

Era nostra intenzione andare in città e stare con il nipotino, ma i genitori lavorano.

S. Angelo d’Alife, posto intorno ai 400 m di quota nel Parco Regionale del Matese, abbraccia un vasto territorio che va dalla pianura all’alta montagna della località Selvapiana. Il territorio è caratterizzato in pianura dalla viabilità che ricalca quella della centuriazione romana del I secolo a.C., pertinente all’antica colonia di Allifae.