Altare del Sacro Sangue, Rothenburg ob der Tauber (Baviera)

Fu uno scultore tedesco Tilman Riemenschneider che, verso il 1473, apprese l’arte della scultura e dell’intaglio forse formandosi a Strasburgo (probabilmente presso la bottega degli eredi dello stile di Nikolaus Gerhaert von Leyden), e ad Ulm.

Va detto che l’olandese Gerhaert lavorò in Germania e dallo studio stilistico delle sue sculture si evince che era dotato di una cultura impetuosa, fremente, connessa ad un ampio numero di esperienze e di relazioni artistiche tradizionali e passate, ma rivisitate, rinnovate e ripresentate all’interno delle correnti più creative a lui contemporanee,

Tornando a Tilman Riemenschneider, l’artista viaggiò a lungo, in particolare in Svevia e nelle regioni renane. E fu a capo di un’importante bottega a Wurzburg, dove viene ricordato per la prima volta nel 1479.

Realizzò diversi monumenti in pietra per il Duomo della città ma a me è piaciuto evidenziare l’ Altare dell’Ultima Cena.

Suoi capolavori sono gli altari in legno, arenaria, alabastro, nei quali la rinuncia alla policromia rende alla luce tutte le possibilità di riflettersi sulla materia.

2 risposte a "La bellezza dell’intaglio"

  1. A tutte queste meraviglie – il Libro d’ore del duca di Berry, il Reliquiario di Carlo il Temerario, i lavori a intaglio di Riemenschneider e tante altre cose – avevo avuto modo di appassionarmi quando, nell’ambito della collana Storia universale dell’arte, in Utet si preparava la pubblicazione del saggio Il Quattrocento nell’Europa settentrionale del celebre studioso polacco Jan Białostocki (il quale, per inciso, non riuscì a vedere il suo lavoro completato, in quanto morì a fine 1988: il testo uscì qualche mese dopo). Forse il più bel volume pubblicato dalla Casa editrice torinese in quegli anni: ogni pagina riserva al lettore una piacevole sorpresa, con bellissime riproduzioni a colori e in b/n. Purtroppo oggi il libro è fuori commercio, ma se dovesse capitarti di trovarlo in qualche biblioteca ti consiglio vivamente di consultarlo, perché per te, che ami il bello nell’arte, potrebbe rivelarsi un’autentica miniera 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...