Da sandali a scarpe ‘cool’

Come promesso dedico ad Ale questo post.

“Niente è design. Tutto è legato alla funzionalità ” parola di Karl Birkenstock, fondatore della omonima ditta. Quello che ha attirato la mia curiosità è il rifiuto opposto dalla Birkenstock ad una collaborazione con Supreme. Corbezzoli!

Il Ceo Oliver Reichert tiene a commentare:’ perché questa sarebbe solo una forma di prostituzione’. Insomma un’azienda produttrice di sandali ortopedici (inutile girarci intorno, la loro anima non è cambiata) sbatte la porta in faccia al brand di streetwear più cool del momento. Alleluia!

Conosciamo da vicino la nascita di queste ciabatte o sandali – brutti – ai piedi dei backpackers che decidevano di intraprendere avventurosi viaggi nel Sud-est asiatico o in Sudamerica. O, peggio, dei turisti tedeschi in visita in Italia che li sfoggiavano senza alcuna remora, magari accoppiandoli al calzino bianco d’ordinanza.

L’alone vagamente punitivo e in un certo senso “monacale” posseduto dalle calzature teutoniche impediva loro di essere prese in considerazione come valida alternativa a qualsiasi altro tipo di sandalo, relegandole alla stregua di un acquisto “da vacanza” o da adoperare tra le mura domestiche. La verità è che le Birkenstock erano – e sono tuttora – comode sì, ma antiestetiche, per nulla slancianti e poco donanti. 

Anno 1774, Johann Adam Birkenstock esercita la professione di calzolaio. Lo sappiamo grazie alla sua iscrizione come calzolaio nel registro ecclesiastico della città di Langen-Bergheim, in Assia.

Un suo discendente, Konrad, ne racconta le vicende.

Anno 1896. Il mastro calzolaio Konrad Birkenstock, con due botteghe a Francoforte, inizia per la prima volta con la produzione e la vendita delle solette flessibili.

Titolare di due negozi di calzature a Francoforte, alla fine del diciannovesimo secolo ha un’intuizione che, per quanto semplice, risulterà rivoluzionaria.

Sebbene all’epoca le suole delle scarpe fossero piatte, egli sovverte le regole, realizzando un plantare sagomato che avvolge e supporta il piede. E non si ferma certo lì. Con l’aumento dell’industrializzazione nel settore calzaturiero all’inizio del ventesimo secolo, sviluppa delle solette di gomma flessibile da inserire all’interno di qualsiasi scarpa commerciale, per creare un confortevole Fussbett, un ‘letto per il piede’.

Ne volete sapere di più? Vi invito a cliccare qui.

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. lepastelbleu ha detto:

    bel post! sono le UNICHE scarpe che non mi fanno male ai piedi, uso solo loro, dai sandali agli stivaletti invernali passando per scarpe e scarponcini per ogni stagione. Mi hanno salvato dall’infiammazione della pianta e le trovo anche in eco pelle, ideali per una vegan

    1. marzia ha detto:

      Contenta che ti sia piaciuto un mio contributo a scarpe così poco trendy.

  2. lepastelbleu ha detto:

    io sono così poco trendy che manco so chi sia Supreme….buon Ferragosto!

  3. newwhitebear ha detto:

    Ci ho provato un paio di volte di prendere questi sandali da usare in casa al posto delle classiche ciabatte ma ho sempre rinunciato. Le trovo troppo dure. La forma non mi interessa, quello che conta e stare bene nei piedi.

    1. marzia ha detto:

      Mio marito ed io li detestiamo…

      1. newwhitebear ha detto:

        Sono sempre alla ricerca di qualcosa da mettere in casa. Una volta Dr. Scholl produceva zoccoli con un plantare che massaggiava la pianta. Adesso non li trovo più

        1. marzia ha detto:

          Lo capisco e un pò anche il problema di mio marito.
          Io quest’anno ho comprato le pianelle su Amazon e mi son trovata bene.

        2. newwhitebear ha detto:

          per me non vanno bene. Continuo la ricerca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...