Il mio ultimo divertissement

Son 186 i video che ho creati negli ultimi mesi.

Il mio unico rammarico è disporre di un programma limitato con limitate scelte musicali.

Mio marito mi ha offerto il suo professionale, ma non mi pare il caso: dopotutto sono solo dei divertissement.

Nell’ultimo mi ha stupita la risposta, venuta subito dopo il ringraziamento.

Oltre a condividere il tuo video sul mio blog , come posso ricambiare il tempo che hai dedicato a questo lavoro?

Guadagnini, un liutaio poco noto

Da quando i vecchi violini sono diventati cari, ci siamo formati idee romantiche su di loro e sui loro creatori. La verità della questione è molto più prosaica. Mentre la liuteria, praticata da un piccolo numero di artigiani di grande talento come Antonio Stradivari e Nicolò Amati, poteva creare una grande ricchezza, per la maggior parte si trattava di artigiani in lotta. Stradivari, sorprendentemente inventivo e fantasioso, poté avere i mezzi per fare fortuna, ma era più un’eccezione che una regola e, siccome i suoi tempi si erano opposti al commercio, indirizzò saggiamente i suoi figli più piccoli verso professioni più redditizie.

I creatori di queste meraviglie si arrampicavano con le loro famiglie per trovare ambienti in cui possano guadagnarsi da vivere con il loro mestiere. Produttori come J.M. Valenzano andarono in Spagna e nel sud della Francia prima di stabilirsi definitivamente, a tarda età, a Roma. Vincenzo Panormo, forse il più viaggiatore di tutti, è finito a Londra dopo aver vagato per Napoli, Marsiglia, Irlanda e Parigi (quest’ultima città in due occasioni).

Forse il più notevole di questi vagabondi, tuttavia, è il piacentino Giovanni Battista Guadagnini.

Tra i liutai più affascinanti dell’era post-cremonese, sia per la sua vita che per la sua arte, Guadagnini visse in un’era difficile ma finì con il diventare il liutaio dei Borbone.

È ampiamente considerato il terzo più grande produttore dopo Antonio Stradivari e Giuseppe Guarneri “del Gesù” .

Se Guadagnini ebbe un periodo d’oro, fu quelo dei suoi ultimi anni a Torino. I suoi strumenti post-1776, consapevolmente basati su Stradivari, sono costantemente eccellenti. Questo non significa sminuire le opere precedenti, che possono avere ugualmente successo a livello di tonalità.

Negli ultimi anni ’80 Ivan Galamian, violinista iraniano, ritenuto uno dei più celebri pedagoghi del violino, raccomandava a uno studente di acquistare un Torino Guad se non poteva permettersi uno Strad o un Guarneri.